Xitalk 05 – Pianificare e ricomporre

ISABELLA INTI


Ripensamento emergenziale caduco, spoglie urbane di società estrattive, guerrafondaie, mostruosità strutturali popolate da convogli - sono tutti gli scenari estranei al circuito di un'Italia vanagloriosa, dove la ri-generazione è stata trattata ermeticamente in quanto mezzo stratificante. Una strenua costante, nella linea del tempo riproposta di cui ora molti se non tutti ammirano i fallimenti più o meno severi come ferite nel territorio, nelle abitudini e negli atteggiamenti di chi quel territorio lo vive. Un nuovo filone? un manifesto? la possibile variabile a contrasto della funzione costante-inconsistente della riqualificazione sedimentaria? Come può la qualità decidua dell'uso essere l'estinzione stessa della prospettiva terminale?


Isabella Inti, tecnica del paesaggio, entusiasta fondatrice dell'esperienza di temporiuso.net (inc. 2009), ha presentato la nuova (contro)corrente a risoluzione delle possibili criticità nella morfologia urbana nella penisola degli ultimi 50 anni. Il Ri-uso temporaneo che scandisce in semitoni e crome il tempo morto dell'abbandono. Un costume per i nuovi usi e un uso dei costumi soliti a beneficio di nuove forme di abitabilità nei luoghi, spazi e tempi. Riformare e modulare interrompendo questo ciclo è l'impegno di chi riconfigurando le sinergie tra spazi e ambienti antropici offre sempre nuova linfa vitale a ciò che sarebbero altrimenti solo salme, ferite bendate, garze ingessate su cui scrivere per poi romperle.